Nullità nelle notificazioni, la successiva costituzione in giudizio deve considerarsi come sanante

Estremi:
Cassazione civile, sez. VI, 09/02/2018,  n. 3240
Fonti:
Diritto & Giustizia 2018, 12 febbraio
ufficiale-giudiziario

vittoriocoscarella.it

Posto che lo scopo della notificazione degli atti di “vocatio in ius” è attuare il principio del contraddittorio, tale finalità può dirsi raggiunta con la costituzione in giudizio del destinatario dell’atto, comportamento che sana con effetto “ex tunc” qualsiasi eventuale vizio della notificazione stessa. Se dunque la mera conoscenza aliunde del procedimento non può avere di per sé – efficacia sanante, la successiva costituzione in giudizio deve considerarsi come sanante “ex tunc” ,



Categorie:Ultimissime di giurisprudenza

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: